The Government of Ontario now requires that certain businesses and organizations check for proof of vaccination from customers. Learn more

Due to system updates, this website will not be available on Friday, October 29, 2021 from 5:00 p.m. to 6:00p.m.

Determinare l'utile aziendale

Generare profitti è uno degli obiettivi più importanti di un'azienda. Calcolare gli utili non solo aiuta a determinare il proprio livello di successo, ma consente anche di individuare quali siano i fattori di guadagno e quali le fonti di spesa.

È possibile calcolare il proprio utile detraendo la spesa totale dal guadagno totale. Per identificare introiti e spese, bisogna innanzitutto scegliere un periodo di tempo da prendere in esame. Solitamente queste analisi vengono condotte in relazione a un periodo di dodici mesi, ad esempio dal 1° gennaio al 31 dicembre o dal 1° luglio al 30 giugno.

La scelta dipende da:

  • natura della propria attività
  • preferenza personale
  • possibili considerazioni fiscali

Se la contabilità sarà sempre precisa, aggiornata e di facile consultazione, ottenere un conteggio esatto dei propri utili sarà estremamente semplice.

Calcolare i ricavi complessivi

Per determinare quali siano i propri introiti nel periodo in oggetto, bisogna considerare i seguenti punti:

  • Qual è l'entità dei ricavi al lordo dei prodotti o servizi venduti? (Ricavi lordi)
  • Qual è l'importo corrispondente a prodotti restituiti/accreditati ai clienti?
  • Qual è l'importo corrispondente agli sconti fatti ai clienti e ai dipendenti? (Sconti)
  • Qual è l'importo dei ricavi netti dalla vendita di prodotti e servizi? (I ricavi netti sono i ricavi lordi meno resi, scarti di produzione e sconti.)
  • Qual è l'entità degli introiti da altre fonti, come l'interesse sui depositi bancari, i dividendi da titoli o gli affitti per immobili locati a terzi? (Ricavi non operativi)
  • Qual è l'entità dei ricavi complessivi? (I ricavi complessivi si ottengono sommando i ricavi netti ai ricavi non operativi.)

Calcolare i costi complessivi

Le spese corrispondono al costo dei prodotti venduti e dei servizi usati nel processo di vendita dei prodotti e dei servizi. Tra le spese rientrano:

  • costo dei prodotti venduti (corrisponde al proprio inventario iniziale più gli acquisti meno l'inventario finale)
  • salari e stipendi (incluso il proprio compenso, calcolato sulla base della tariffa che andrebbe applicata se si assumesse una persona per svolgere il proprio lavoro)
  • affitto
  • utenze (elettricità, gas, telefono, acqua, ecc.)
  • costi per la presenza sul Web (negozi online, hosting sito web, registrazione dominio)
  • spese di consegna
  • assicurazione
  • costi pubblicitari e promozionali
  • manutenzione
  • ammortamento (diminuzione del valore dei beni e allocazione del costo dei beni a periodi di tempo in cui sono stati usati)
  • tasse e licenze
  • oneri finanziari per il denaro preso in prestito
  • crediti inesigibili (una perdita che viene classificata come una spesa perché il debito non può essere riscosso)
  • assistenza professionale (commercialista, avvocato, specialista informatico, ecc.)

Sapere quali sono le proprie spese è il primo passo da fare per riuscire a controllare le uscite e accrescere gli utili. Dopo aver calcolato le spese, detrarre l'importo totale dal guadagno complessivo: tale importo è il profitto generato dalla propria attività durante il periodo in oggetto.

Per ulteriori informazioni su come determinare gli utili e su altri argomenti commerciali, contattare Small Business Services / Services aux petites entreprises. Il servizio telefonico è disponibile in inglese e francese.